Make your own free website on Tripod.com

 

labirinto libri


IL LABIRINTO
Libri

Amarezze

di Gianfranco Palmery

home libri autori videoclip edizioni

Amarezze

Madrigali e altre maniere amare

 

Notizie sull'autore

Gianfranco Palmery

 

Dello stesso autore

Mitologie

Sonetti domiciliari

Gatti e prodigi

Giardino di delizie e altre vanità

L’io non esiste

Medusa

Il poeta in 100 pezzi

In quattro

Italia, Italia

Profilo di gatta

Morsi di morte

 

Collana Spillature

Gianfranco Palmery
Amarezze
Madrigali e altre maniere amare
In copertina un disengo dell'autore
2012 Pagine 32 Euro 4,00

ISBN 978-88-89299-67-8

 

Palmery Amarezze

In questa nuova raccolta di poesie il titolo Amarezze, di bella, esatta icasticità, e il sottotitolo Madrigali e altre maniere amare, suggeriscono il punto di arrivo nominale, e non solo, di un percorso dove la forte originalità del canto si specchia e invera nella coerenza tematica. I temi sono quelli ricorrenti nelle altre raccolte di Gianfranco Palmery: la consunzione del corpo adombrante un generale processo di dissolvimento del mondo fisico o, quantomeno, una sua corruzione o riduzione a realtà larvale; il dolore e la morte, la stupidità e insensatezza dell’agire umano. Temi qui risolti con una perentorietà inusuale, e perturbante. E che sembrano porsi come bilancio estremo di un’intera esistenza. In questo, sostenuti dalla forma breve del madrigale che si presta a un dire incisivo – e a volte tagliente – e dove il poeta rielabora e traduce in cifra assolutamente personale (esattezza e nitore verbale declinati ora con gravità di toni, ora con lampi di pungente ironia) echi del Tasso e della tradizione lirica e musicale cinquecentesca.
All’amarezza, Gianfranco Palmery affida un’identità cromatica, non dissimile da quella riservata nella medicina e filosofia ippocratica alla melanconia e alla bile – “la nera amarezza”, “la verde amarezza” – e conferisce una potenza pervasiva che non risparmia nessun ganglio vitale del corpo: pozione tanto “lieve”, quanto mortale negli esiti: "[…] e si infiltra, si fa come le ganghe / d’oro nelle miniere / s’impietra nel cervello, in vene arterie". E’ dunque il richiamo a un esito fatale, lento ma pur sempre inesorabile, a prevalere e inanellare le ventidue poesie che, sebbene autonome nella loro singola compiutezza, trovano eco e risonanza l’una nell’altra. Sicché dalla lettura complessiva si ricava l’impressione di un unicum, concertato con splendidi fraseggi e variazioni e reiterazioni timbriche, tali da configurare un grande insieme corale.


da Amarezze
Madrigali e altre maniere amare


Ah la nera amarezza, la verde
amarezza, bile e fiele,
che fila e filtra il sangue
e mai non si disperde
ma si diffonde lieve
e si infiltra, si fa come le ganghe
d’oro nelle miniere
s’impietra nel cervello, in vene arterie

 

Edizioni Il Labirinto